Art/ Collection/ Art Object

Room found in 1758 among the ruins of an ancient villa on the Appian Way at Frattochie, near Albano, from which the ancient manner of heating and cooling rooms was discovered [sectional diagram], from Antichità d'Albano e di Castel Gandolfo Descritte ed incise da Giovambatista Piranesi (Antiquities of Albano and of Castel Gandolfo described and etched by Giovambattista Piranesi), tavola 26 (b)

Series/Portfolio:
Antichità d'Albano e di Castel Gandolfo Descritte ed incise da Giovambatista Piranesi
Artist:
Giovanni Battista Piranesi (Italian, Mogliano Veneto 1720–1778 Rome)
Date:
1764–70
Medium:
Etching
Dimensions:
Sheet: 21 5/8 x 15 3/4 in. (55 x 40 cm) Plate: 6 1/8 x 8 7/16 in. (15.5 x 21.5 cm)
Classification:
Prints
Credit Line:
Rogers Fund, Transferred from the Library, 1941
Accession Number:
41.71.1.11(31)
Not on view
Inscription: At bottom center: A. Stanza rinvenuta l'anno 1758, fra le rovine d'un'antica villa fu la via Appia, alle Frattocchie presso Albano, donde si è scoperta l'an: / tica maniera di riscaldare e rinfrescare le abitazioni. B Ipocausto, o forno che si accendeva, durante l'inverno, sotto il pavimento del / la stanza. C Canale dell'ipocausto che scorrono le pareti della stanza per renderla più calda. D PIlastelli che sostengono il pavimento fat: / ti di mattoni e calcina d'argilla. E Bocca dell'ipocausto. F Pavimento dell'ipocausto, postate sopra tante olle di terra cotta G, rovesciate, e / costipate con l'argilla H per difender l'ipocausto dall'umido. I Terreno internamente scavato come si mostra con l'apertura K per concepi: / mento dell' aura di sotterra, la quale durante l'estate, pel condotto di tubi di terra cotta, segnato con l'L, era introdotta nella stanza per diersi / forami fatti nel muro, come si accenna con l'M, e che si tenevan chiusi d'inverno. N cielo dell'ipocausto fatto di tevoloni di terra cotta. O Mat: / toni del pavimento della stanza messi per la ritto a spina di pesce, come si mostra col P. Q Lavoro segnino con cui era lastricato il pavimento.

Marking: On verso at center: The Metropolitan Museum of Art stamp
Focillon 536; Hind 86; Giesecke 118; Wilton-Ely II.726.669
Related Objects

The Arch of Septimus Severus

Artist: Ascribed to Giovanni Battista Piranesi (Italian, Mogliano Veneto 1720–1778 Rome) Date: ca. 1772–1800 Medium: Etching Accession: 2007.48.1 On view in:Not on view

The Arch of Titus

Artist: Ascribed to Giovanni Battista Piranesi (Italian, Mogliano Veneto 1720–1778 Rome) Date: ca. 1760–1800 Medium: Etching Accession: 2007.48.2 On view in:Not on view